Esplora

Vigevano

Vigevano
SelvaggiaMente

Black Friday

Immagino che molti di voi si siano già appuntati in agenda l’imminente “black Friday”, ovvero quella proposta commerciale che arriva dagli Stati Uniti, iniziata prima sui siti di e-commerce e poi proseguita anche nei veri e propri negozi.

Negli anni scorsi si parlava della “notte dei saldi” o definizioni simili, quest’anno anche qui a Vigevano e Lomellina si usa la nomenclatura anglosassone e, in alcuni negozi, non si limiterà solo alla giornata di venerdì ma anche a sabato e domenica.

Mi permetto di citare qui alcuni articoli che ho letto la scorsa settimana e che riguardano le abitudini dei cosiddetti Millennial, ovvero i giovani nati negli anni Duemila: ebbene, il succo degli articoli è che spendono, ma solo se gli si prospetta un risparmio.

Che detto in parole povere è che laddove c’è uno sconto, i giovanissimi comprano, magari anche articoli di cui non hanno particolarmente bisogno o necessità. Lascio a voi – soprattutto ai commercianti – ogni considerazione in merito.

L’altra considerazione invece è del tutto personale. Io che Millennial non sono (di “mille” ho solo lo stipendio, faccio cioè parte della cosiddetta Generazione Mille euro, riferita allo stipendio) sarei molto contenta di trovare un black Friday dal benzinaio, dal panettiere, al supermercato e perché no – visti i malanni di stagione – anche in farmacia.

Più di tutti però mi piacerebbe davvero il benzinaio e perché no, anche nelle biglietterie ferroviarie: per esempio non mi dispiacerebbe se i biglietti dei viaggi di venerdì, sabato e domenica fossero venduti con uno sconto, anche solo del 10%. Sogno? Utopia? Bah, io ci provo e chissà che magari prima o poi…

  • Indirizzo
    Contatti
    Email: ---
    Sito web: ---
    Orari
    ---
  • Richiedi informazioni


    Prenota un tavolo