Esplora

Vigevano

Vigevano
Penna Selvaggia

Consigli per il week end a Vigevano

Tempo permettendo, questo sarà un weekend di antiche tradizioni. Già da questa sera (venerdì), infatti, inizieranno le celebrazioni relative alla Sagra di San Bernardo: alle 18 inizierà la passeggiata del diavolo nelle vie del centro storico e alle 21.45 si terrà il concerto d’organo e canto organizzato dall’associazione Vox Organi con il tenore Marco Clerici. Sabato il clou della manifestazione: alle 21.45 inizierà lo storico falò che insieme al diavolo Berlic vuole, simbolicamente, bruciare tutte le malvagità. Secondo la tradizione, più la sagoma di Berlic brucia rapidamente, più l’annata sarà favorevole. Una tradizione antichissima, oltre sette secoli, che vuole ricordare la venuta di San Bernardo a Vigevano: durante il viaggio, Berlic cercò di impedire il suo arrivo, ma il santo lo sconfisse e, per lodare Dio, costruì una chiesa che poi gli venne dedicata. Al termine del rogo inizierà la disputa per l’aggiudicazione delle torte offerte a scopo benefico. Domenica, infine, alle 21 inizierà la processione del Santo con la partecipazione delle Confraternite di Vigevano e della Diocesi. Alle 21.30 si terrà il concerto della Banda di Santa Cecilia diretta dal Maestro Antonio Bologna, e, alle 22, inizierà l’estrazione dei biglietti vincenti della “Lotteria di San Bernardo”.

Sempre domenica, dalle 10 alle 19 nel cortile del Castello, o in Cavallerizza in caso di maltempo, si potrà partecipare a “Vigevano Medieval Comics”, fiera medievale, del fumetto, fantasy e giochi da tavolo. L’evento, a ingresso gratuito, giunge quest’anno alla sua quarta edizione ed è organizzato dall’”Associazione Tre Maghi”, con il contributo della “Fondazione di Piacenza e Vigevano” e con il patrocinio del Comune di Vigevano. Il Castello sarà diviso in un’area tutta dedicata alle atmosfere medievali, con sfilate in abiti e costumi tipici del ‘300 e ‘400, esibizioni con spade, archi; i più coraggiosi potranno sfidarsi in veri e propri giochi di combattimento. Le associazioni “Lo Scrigno del Tempo”, “Compagnia de’ Viaggiatori in Arme”, “Majistro Re”, eseguiranno dimostrazioni di battaglie con armature storiche. Non mancheranno poi il Comics, il fantasy e il fumetto, mentre i cosplayers, dalle 14:30, si esibiranno nel contest del festival, sfoggiando abiti, trucco e parrucche di miti e personaggi fantastici. Ci saranno anche truccatori a disposizione di bambini e adulti, mentre l’associazione ludico-culturale Aerel organizzerà giochi di ruolo, in scatola e rompicapo. Con i “Tre Maghi”, invece, in collaborazione con l’Associazione “I viaggi di Tells”, ci si potrà immergere, nel pomeriggio, nel mondo di Harry Potter attraverso il celebre gioco del quidditch babbano. Dalle 11 raduno Steampunk, cosplayer con strumentazioni ottocentesche, che venivano azionate dalla forza motrice del vapore e dall’aspetto per così dire “meccanico” che parteciperanno al famoso “Thè steampunk vittoriano”. Ci saranno poi momenti dedicati a danze celtiche con il gruppo Kalenda Maya e di animazione a tema come, per citarne solo qualcuno, quello delle spade laser, grazie all’associazione “Ludosport Pavia”. “I Doni delle Muse”, associazione culturale che si occupa dello studio e della divulgazione della letteratura del periodo classico, medievale e rinascimentale, faranno invece rivivere antiche storie e leggende attraverso la letteratura e la musica. Nelle scuderie, per tutta la giornata, l’ensemble musicale: “Il giardino delle muse”.

Ancora Domenica per gli amanti dei picnic e per conoscere da vicino le meravigliose macchine di Leonardo Da Vinci sarà possibile partecipare alla Festa del Mulino di Mora Bassa, festa di un territorio.

 

Infine, per gli appassionati di musica, ritornano, alle 17, i pomeriggi musicali all’Auditorium San Dionigi. A riaprire le porte dell’Auditorium San Dionigi, sarà un duo di eccezionali musicisti, formato dal violinista Pirro Gjkjondi e dalla pianista Eugenia Canale. Nato in Albania, Gjikondi ha all’attivo collaborazioni con orchestre di grande spessore, nelle quali è stato diretto da celebri Maestri come Delman, Muti, Giulini, Chailly, Gatti, Rostropovich e ha inciso per etichette come Decca, Deutsche Grammophon e Sony. L’altra metà del duo, la pianista Eugenia Canale, si è formata presso il Conservatorio di Novara e la prestigiosa Accademia Musicale di Firenze e ha vinto numerosi premi ai concorsi musicali a cui ha partecipato, tra cui Trieste, Riccione e Milano. Per il loro concerto vigevanese – intitolato appropriatamente “Suoni dai Balcani” – Gjikondi e Canale hanno preparato un programma che spazia dall’Albania all’Ungheria, passando per la Romania. Verranno eseguiti la “Balade per violino e pianoforte” di Pjetër Gaci (compositore albanese, scomparso nel 1995), la “Sonata per violino e pianoforte n.2” del compositore violinista e pianista romeno George Enescu, la “Sonata” di Çesk Zadeja (altro compositore albanese, scomparso nel 1997), per concludere col celebre autore ungherese Béla Bartók e con le sue “Danze folcloristiche romene”. L’Est-Europa e la sua commistione di generi, ritmi, atmosfere e influenze sarà, quindi, la protagonista assoluta del concerto: un’occasione per scoprire e amare autori e sonorità poco eseguite, ma che affondano le proprie radici in una tradizione secolare e tutta da conoscere. A ciò, si aggiunga la bravura dei musicisti e la loro esperienza nel proporre al pubblico un programma interessante e variegato e si avrà la certezza di non voler perdere l’appuntamento. Ingresso libero.

  • Indirizzo
    Contatti
    Email: ---
    Sito web: ---
    Orari
    ---
  • Richiedi informazioni


    Prenota un tavolo