Esplora

Vigevano

Vigevano

Le trasformazioni delle città di medie dimensioni: il caso Parma

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr
  • Date evento
    Inizio: 05/10/2019
    Fine: 05/10/2019
    Indirizzo
    Ridotto del Teatro Cangnoni, Corso Vittorio Emanuele II, Vigevano
    Contatti
    Email: reteculturavigevano@gmail.com
    Sito web: ---
    Orari
    11.30
  • Descrizione

    LE TRASFORMAZIONI DELLE CITTA’ DI MEDIE DIMENSIONI:

    IL CASO PARMA

    Incontro con Claudio Franchini, Diettore ASCOM Prarma e Cristina Casa, Assessore al Commercio del Comune di Parma

    Coordina: Mario Pascali

    a cura di ASCOM Vigevano

     

    Parma, Capitale Italiana della Cultura 2020

    Il pgoretto di Parma nasce dall’esigenza di rilanciare commercialmente il centro storico e i principali assi periferici della città, interessati da una considerevole percentuale di negozi sfitti. Un tessuto economico e urbano caratterizzato da tali cirticità rischiava, infatti, di vanificare gli sforzi compiuti per la promozione turistica di Parma, in seguito alla sua designazione a Città creativa Unesco per la gastronomia e di tradire le aspettative dei molti visitatori che giungeranno nel 2020 in occasione di Parma Capitale Italiana della cultura.

    Ascom Parma ha posto in risalto, prima di altri, tali fenomeni e, in particolare nel caso dei negozi sfitti, ha avviato, già dal 2014 e con proprie risorse, una mappatura periodica degli spazi inattivi oltre ad aver messo in atto un percorso di lavoro per la loro riattivazione quali vetrine espositive di altre attività commerciali.

    Un’ulteriore iniziativa sul tema contempla inoltre un progetto di pannellatura delle vetrine degli spazi in disuso con dei manifesti coordinati a totale carico dell’Amministrazione Comunale. Il piano strategico per il piccolo commercio, nel suo complesso, mira ducnque alla realizzazione di un habitat, urbano e commerciale, che favorisca la riqualificazione dei negozi di vicinato e l’aumento della clientela nel centro storico e sugli assi commerciali periferici individuati. Tra le azioni previste dal piano, vi sono in particolare, oltre al riutilizzo dei negozi sfitti anche un progetto di pedonalizzazione di alcune aree del centro storico; l’ampliamento degli esercizi di vicinato esistenti fino a 400 mq di superfice di vendita in tutte le destinaioni urbanistiche del centro storico; la previsione di agevolazioni per imprese commerciali e turistiche esistenti che vogliono migliorarsi in vista di “Parma2020”.

    La copertura finanziaria viene garantita da un apposito regolamento comunale che individuerà criteri per l’applicazione di un onere compensativo a carico delle nuove medie e grandi strutture che si insedieranno nella cintura urbana.

    Mappa

    Prenota un tavolo