Esplora

Vigevano

Vigevano
Eventi a Vigevano

Gli eventi del weekend Natalizio

Ultimo weekend prima di Natale, ottima occasione per scambiarsi gli auguri. Ecco un elenco di eventi cui potreste invitare i vostri amici e i vostri cari per un caldo “Buon Natale”.

Giovedì

Il primo appuntamento sarà proprio questa sera, alle 21, al ridotto del Teatro Cagnoni dove l’orchestra “E. Lunghi” dell’istituto musicale Luigi Costa proporrà un concerto d’archi, un viaggio a ritroso nel tempo dal tardo Barocco (prima metà del XVIII secolo) agli ultimi decenni del Rinascimento (seconda metà del XVI). La serata si aprirà con il Concerto Grosso Op. 6 n° 4 in La min. di G.F. Haendel. Questa composizione fa parte di un ciclo di 12 Concerti elaborati a Londra tra il 29 settembre e il 30 ottobre dell’anno 1739. Il carattere tipicamente italiano del cantabile, il rigore e le invenzioni del fugato, le sorprese del curiosissimo Allegro finale sono le note pregnanti che informano questa eccellente creazione del musicista di Halle. La seconda proposta della serata sarà il Concerto in La minore per violino, archi e basso continuo BWV 1041 di J.S. Bach. Coetanei e conterranei, Haendel e Bach sembrano aver passato la loro vita su due pianeti diversi. Cosmopolita, scapolo, ricco e riconosciuto protagonista della scena inglese il primo; quasi stanziale, misconosciuto, carico del peso di una numerosissima famiglia e assediato dalle ristrettezze economiche il secondo. Geni entrambi, ma con esistenze, carattere e carriere agli antipodi. Il concerto proseguirà con una Suite dall’opera “King Arthur” di H. Purcell. È il primo approccio dell’orchestra con la scena musicale inglese, la cui scuola è protagonista in ambito europeo di un capitolo particolarmente importante. Grande operista, ma anche autore raffinato di splendidi brani strumentali, Purcell seppe imprimere un carattere unico all’evoluzione musicale dello stile britannico. Il viaggio proseguirà verso l’Italia, sulle note di Carlo Gesualdo Principe di Venosa: in programma una Gagliarda, scritta per quattro strumenti dal più enigmatico e tormentato protagonista della polifonia vocale italiana per concludersi poi nella Germania a cavallo tra Rinascimento e primo Barocco, per eseguire una raccolta di brani composti da  M. Praetorius e da lui raccolti nel “Terpsichore Musarum” del 1612. Si tratta in realtà di vivaci danze tipicamente rinascimentali di sicura origine francese. L’insigne teorico le pubblicò su richiesta di un coreografo al servizio della corte di Wolfenbüttel (Bassa Sassonia), città nella quale Praetorius risiedeva in quel periodo. L’ingresso è libero.

Venerdì

Venerdì alle 18.30 Auditorium San Dionigi (Piazza Martiri della Liberazione) 11 ragazzi dimostreranno che si sopravvive anche senza cellulare. Si intitola “Disconnessi 2.0, senza cellulare per 24 ore”: i ragazzi racconteranno attraverso una macchina fotografica la loro esperienza.

Interverranno il dottor Ivan Giacomel, psicologo coordinatore progetto “All Over the Road”, le dottoresse Augusta Baldi e Silvia Trainini, psicologhe della Fondazione Caritas di Vigevano e Paola Rizzi, presidente della Società Fotografica Vigevanese. Ingresso libero.

Venerdì, alle 21, all’interno del Convento delle Suore Sacramentine (via Trento, 27) si terrà un nuovo appuntento della rassegna “Sette Note verso il Cielo. In Locum Angelorum. Vespri d’organo per l’Avvento e il Natale”. Questo concerto sarà anche l’inaugurazione del restaurato organo a canne Mentasti-Kengli (1910-1934). L’organista sarà Giulio Piovani e l’ingresso è libero

Sabato

Sabato alle 21 su palco del Teatro Moderno (via San Pio V) i Blackinwhite Gospel & Black Music proporranno un concerto natalizio. Al pianoforte siederà Daniele Perini che accompagnerà i cantanti Fabrizio Celvini, Mattia Del Conte, Barbara Natta Lagomarsino, Francesca Tosarello, Gaia Pedrazzini. L’evento vedrà anche la partecipazione straordinaria dei frequentanti del Vocal Lab “Do you believe you can fly?”. Il Gospel torna al Teatro Moderno di Vigevano con un gruppo professionista specialista nel celebre genere tradizionale e nella black music. Blackinwhite è un ensemble di Milano con oltre 15 anni di esperienza, formato da sei musicisti professionisti, cinque vocalists (un soprano, un mezzo soprano, un contralto, un baritono e un tenore) e un pianista.

I musicisti che fanno parte del progetto Blackinwhite vantano collaborazioni con artisti italiani e internazionali. Con oltre 15 anni di esperienza, si rivolgono a tutti coloro che sanno apprezzare la qualità. Il repertorio proposto dai Blackinwhite è particolarmente vasto, comprende Spirituals Afroamericani, brani gospel tradizionali, brani gospel anche in francese, brani di contemporary gospel, brani tratti da colonne sonore di film di successo come Sister Act, Fame, Jesus Christ Superstar, Shrek, Romeo & Juliet, Blue Hawaii, e inoltre brani famosi appartenenti ai generi soul, jazz, r&b, pop, originariamente interpretati da artisti di spicco come The Manhattan Transfer, The Andrews Sisters, Natalie Cole, Louis Armstrong, Frank Sinatra, Sam Cooke, Percy Mayfield, Perry Como, Mariah Carey, Beyoncé, Michael Jackson, Queen, Pharrel, Alexandra Burke,Elvis Costello, Zucchero, Elisa; oltre a l’Hallelujah di Handel tratto dal gospel album “Handel’s Messiah: A Soulful Celebration”, premiato nel 1992 con un Grammy come Best Contemporary Soul Gospel Album, e l’ormai leggendaria versione di “Stand By Me UK Royal Wedding Gospel Choir”.

Il coro continua ad ampliare il proprio repertorio impegnandosi costantemente nello studio di nuovi brani. Una delle caratteristiche dei Blackinwhite consiste nella cura e nel rispetto delle partiture vocali originali, e, per quanto riguarda alcune delle chicche in repertorio, nella proposta di alcuni arrangiamenti vocali di eccellenti arrangiatori internazionali come Mark Brymer e Roger Treece. Un concerto natalizio coinvolgente, impreziosito dalla partecipazione sul palco degli allievi del Workshop di Coro Gospel tenuto al Teatro Moderno di Vigevano dalla cantante Barbara Lagomarsino, che interagiscono “live” in alcuni brani con I Blackinwhite.

Sabato e domenica alle 21 sul palco del Teatro Cagnoni andrà in scena il concerto di Natale “Oh, Holy Night! del Siant George Pop Choir. Diversi i brani in programma: da “Let it snow”, “Hail Holy Queen”, “One Love”, “Oh Holy Night” che faranno da cornice ad una storia, ad un tema. Quest’anno il tema sarà La tregua di Natale, quella serie di “cessate il fuoco” non ufficiali avvenuti nei giorni attorno al Natale del 1914 in varie zone del fronte occidentale della prima guerra mondiale. Sul palco saliranno anche La goccia, la compagnia specializzata in musical che si esibisce per scopi benefici, le voci bianche del Color Sound Children, Emozione Danza di Orietta Boari, gli Hula Ohana Italy, e la scuola Happy Days di Trecate.Compagnia La Goccia St George Popo Chori Voci Bianche: Color Sound Children. Il biglietto costa 15 euro ed il ricavato sarà destinato al progetto “Rise against hunger”, un progetto mondiale che vuole portare cibo ai bambini Zimbawe.

Sabato alle 10.30 presso la biblioteca dei ragazzi “G. Cordone” (via Boldrini 1) si potrà partecipare ad una fantastica caccia al tesoro.  Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria chiamando lo 0381/690754

Sabato alle 15 all’Auditorium San Dionigi (Piazza Martiri della Liberazione) la classe di pianoforte principale del Civico Istituto Musicale Luigi Costa presenta “Saluti d’inverno”. Al pianoforte suoneranno gli allievi del Maestro Smadone insieme al Costa Clarinet Choir del Maestro
Raimondo Gulli.

Domenica

Domenica alle 16.15 all’interno della Chiesa di San Francesco (Piazza San Francesco) ultimo appuntamento con la rassegna “Sette Note verso il Cielo. “In Locum Angelorum”. Vespri d’organo per l’Avvento e il Natale”. Il Piccolo Coro di San Carlo diretto da Gian Mauro Banzola seguirà le note proposte all’orgnao Lingiardi del 1860 dal Maestro Gianpiero Fornaro. Ingresso Libero

Domenica alle 16 in Piazza Ducale arriverà la Slitta di Babbo Natale. L’associazione Carnevale di Vigevano porterà la slitta più famosa del mondo trainata dalle amate renne nel salotto ducale.

Domenica alle 17 il Saint George Pop Choir proporrà un concerto presso l’Ospedale cittadino. «In ospedale a Natale l’atmosfera è surreale – ha detto il Maestro Chicco Romussi, direttore del coro – perché comunque ci sono le malattie. Noi abbiamo accettato l’invito e speriamo di portare un po’ di gioia, di calore e di vicinanza anche alle persone che dovranno passare il Natale in ospedale, magari lontani dalle proprie famiglie».

  • Indirizzo
    Contatti
    Email: ---
    Sito web: ---
    Orari
    ---
  • Richiedi informazioni


    Prenota un tavolo