Esplora

Vigevano

Vigevano
Eventi a Vigevano

Pronti per il weekend?!?!?!

Weekend ricco mi ci ficco. Nessuna frase penso possa descrivere meglio il weekend che abbiamo alle porte.

Venerdì

SAGRA. Da giovedì a domenica, piazza Monsignor Dughera accoglierà la 53ª Edizione della Sagra del salame d’oca, fatta di gastronomia, folclore, arte, cultura e tradizione. Il programma, come sempre, è molto variegato e può essere consultato in ogni singolo dettaglio sul sito https://www.sagradelsalamedoca.it/

FOTOGRAFIA. Sempre a Mortara ci sarà la premiazione del  24° concorso nazionale di fotografia
Città di Mortara. Le opere arrivate saranno esposte al primo piano di Palazzo Cambieri già da domani (venerdì) mentre alle 11 d domenica verranno proclamati i vincitori.

ARMI. Venerdì, nella sala Franzoso della Biblioteca Civica Mastronardi (corso Cavour, 82) si parlerà di “Armi: buone o cattive? Dal tiro sportivo alla legittima difesa”. Sarà una serata dedicata ad appassionati, curiosi ed esperti in materia in cui si parlerà appunto di tiro sportivo e della storia del tiro a segno a Vigevano con Paolo Gatti, direttore centro di Vigevano. Nello specifico la conferenza partirà con una breve storia dell’attività locale analizzando il tiro sportivo come disciplina formativa. L’avvocato Roberto Casalone, professore in materia di legge ed esperto legale, introdurrà la legislazione in materia di armi e legittima difesa nonché le modifiche in materia di legittima difesa introdotte dalla legge n. 36 del 26 aprile 2019. Si proseguirà poi parlando delle armi nelle case degli italiani: diffusione e statistiche, accennando poi ad una ricerca condotta da La Sapienza sugli omicidi commessi con armi legalmente detenute. Il dottor Roberto Pasero, psicologo e psicoterapeuta concluderà la conferenza parlando della psicologia della vittima di reati violenti, nonché la  fight-or-flight response ed il cosiddetto ‘tumulto emotivo’, con cenni di psicotraumatologia. L’ingresso alla serata è libero e gratuito.

FESTIVAL DELLE TRASFORMAZIONI Venerdì alle 21 nell’Auditorium San Dionigi inizia il Festival delle trasformazioni. Primo ospite sarà Nando Pagnoncelli, presidente di Ipsos Italia, insegna Analisi della pubblica opinione all’Università Cattolica di Milano. È il sondaggista di riferimento della trasmissione televisiva «di Martedì» e tiene una rubrica settimanale sul «Corriere della Sera». Insieme a Alessandro Galimberti, giornalista de Il Sole 24 ore e presidente dell’ordine dei giornalisti della Lombardia, Pagnoncelli presenterà il suo libro “La penisola che non c’è. La realtà su misura degli italiani. Le credenze e i miti del Belpaese sfatati dal sondaggista più ascoltato d’Italia”. Temuta, corteggiata, studiata, prezzolata, sostenuta, combattuta, adulata, l’«opinione pubblica» è diventata una delle protagoniste indiscusse della storia moderna, forse la principale, perché ottenerne il consenso è oggi di vitale importanza soprattutto per leader e partiti politici, che spesso modellano la propria azione solo in vista di questo obiettivo. Da qui la necessità di sapere cosa pensano, desiderano e sognano i cittadini, ossia i potenziali elettori, salvo scoprire che le loro opinioni sono profondamente contraddittorie e di rado, almeno nel nostro paese, rispecchiano la realtà. Pagnoncelli quindi dedica il suo nuovo libro proprio a questo interessante fenomeno. Ingresso libero.

FOTOGRAFIA. Auditorium San Dionigi Avgevan presenta “Kumale’ Kumaliva”. ( Vigevano : com’e’ , com’era ).Un titolo “etnico” in “simil dialetto vigevanese ” per la la mostra fotografica dei Vigevano Photo Friends. Nell’ambito del Festival delle Trasformazioni il gruppo di fotoamatori ha voluto documentare fotograficamente come la nostra città sia cambiata dagli inizi del 900 ad oggi.
Dopo una ricerca documentale delle immagini più rappresentative dei luoghi caratterizzanti di “com’era” Vigevano, sono state realizzate con le stesse prospettive le foto di Vigevano “com’è” ora. Con tecniche di post produzione fotografica sono poi state sovrapposte le immagini dello stesso luogo di ieri e di oggi per realizzare una “sovrapposizione artistica” che dia l’idea di come, tanto o poco, siano cambiati gli scenari e gli abitanti. La mostra sarà inaugurata la sera del 27 settembre contestualmente alla inaugurazione del Festival che si terrà proprio all’ Auditorium di San Dionigi, sede della mostra. Proseguirà con la apertura sabato 28 ,domenica 29 settembre e sabato 5 e domenica 6 ottobre con orari 10,30-12,30 e 16 -19 e nelle giornate in cui L’ Auditorium ospiterà gli eventi del Festival. Ingresso libero.

Sabato

CANOA. Sabato torna a Pavia la storica manifestazione organizzata dalla Società Canottieri Ticino, con lo scopo di valorizzare le bellezze del fiume azzurro: la Vigevano Pavia. Da Vigevano a Pavia, Km 38 in canoa con arrivo diretto in discesa sulla sponda destra del fiume fino all’arrivo posto in prossimità della S. Canottieri Ticino. Lungo il percorso ci saranno imbarcazioni che segnaleranno con bandiera rossa eventuali secche indicando il percorso consigliato. In caso di non agibilità o pericolosità di tratti del fiume è previsto un percorso di riserva.

FESTIVAL DELLE TRASFORMAZIONI. Sabato alle 9.30 nell’Auditorium San Dionigi si parlerà de “Le trasformazioni nel mondo del lavoro. Produttività e sostenibilità, i nuovi modi di produrre”.

Come e perché sta cambiando il mondo del lavoro? Quali gli effetti della globalizzazione e delle nuove forme di lavoro sul modo di produrre? Può esservi una produttività “sostenibile”? Quali sono le trasformazioni del lavoro che interessano la nostra epoca? E, per scendere nel particolare e vedere i suoi effetti in una realtà una volta ad alta densità industriale, quali sono state le profonde trasformazioni dell’industria vigevanese, quali le sue ripercussioni nel sociale? Le aziende calzaturiere e meccano-calzaturiere sono riuscite ad evolversi e a mantenere alta la qualità dei loro prodotti? Quali aziende oggi sono posizionate su livelli di eccellenza unici al mondo? A questi interrogativi risponderanno Serafino Negrelli, docente di Sociologia del Lavoro presso il Dipartimento di Sociologia dell’Università di Milano Bicocca, nonché autore di diversi studi sulle “trasformazioni del lavoro”, Sergio Dulio, Innovation Manager del Gruppo Atom, e Franco Catalano, sindacalista della CGIL. Ognuno porterà il proprio contributo per spingerci a conoscere uno delle più grandi trasformazioni della nostra epoca.

FESTIVAL DELLE TRASFORMAZIONI Sabato alle 15 a Palazzo Merula l’argomento saranno Le trasformazioni nel mondo dell’agricoltura: Agricoltura sociale, biodiversità, lavoro e sviluppo economico. L’agricoltura sociale è una nuova pratica che, attraverso iniziative promosse in ambito agricolo e alimentare da aziende agricole, ma anche cooperative sociali, intende favorire il reinserimento terapeutico di soggetti svantaggiati nella comunità e al contempo produrre beni tutelando l’agro-biodiversità del territorio e incoraggiando pratiche di un consumo consapevole. Questa pratica in Lombardia è distribuita su tutte le province e comprende 139 realtà agricole sociali. Anche a Vigevano, già da diversi anni, sono state realizzate diverse esperienze in questo ambito, in particolare dal mese di maggio l’Associazione Officina ha realizzato il primo esperimento di orto sociale a Vigevano presso l’azienda Ort’antico di Brayan Menardo. Relatori di quest’appuntamento saranno Graziano Rossi, Dipartimento di Scienze della Terra e dell’Ambiente, Università di Pavia, Moreno Baggini, Progetto “Orti sociali – Agricoltura Sociale Voghera” , Bryan Menardo, Progetto Verdinsieme, Officina di profumi, e Domenico Giacomantonio, Presidente AcliTerra Pavia. Nell’occasione saranno allestiti stand delle attività e delle colture di agricoltura sociale di Vigevano e della Provincia di Pavia.

FESTIVAL DELLE TRASFORMAZIONI Sabato alle 16 nell’Auditorium San Dionigi si guarderanno Le trasformazioni nel mondo della salute: Il futuro della medicina generale, telemedicina e domiciliarità. Verremo visitati al computer? In un mondo che quotidianamente cambia sulla spinta dell’innovazione tecnologica anche la figura del Medico di Famiglia è destinata a mutare. In quale modo intelligenza artificiale, 5G, diagnostica ambulatoriale, telemedicina, gestione della cronicità impatterranno sull’attività della figura sanitaria di riferimento per milioni di italiani? Benchè ancora poco diffuse le nuove tecnologie stanno prendendo piede anche negli ambulatori dove finora siamo stati abituati a trovare la figura di un medico vicino al paziente ma dotato di pochi strumenti diagnostici. Per ora i pazienti sembrano ancora apprezzare maggiormente il contatto diretto con il proprio medico di fiducia ma il sistema è in grado di continuare a reggere la domanda? Come la tecnologia può alleggerire l’impatto di una popolazione sempre più anziana e affetta da malattie croniche? I relatori di questa conferenza saranno Giorgio Monti, Federazione Italiana Medici di Medicina Generale e Riccardo Bellazzi, Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell’Informazione, Università di Pavia.

MUSEO. Sabato, Museo internazionale della Calzatura. Importante donazione per il Museo Internazionale della Calzatura di Vigevano: la signora Lia Perelli Gemelli, di origine vigevanese ma da molti anni residente ad Arona, ha deciso di donare alla propria città un paio di antiche pantofole da donna, di splendida fattura e presumibilmente risalenti al XVI/XVII secolo, in prezioso tessuto arricchito da leggiadri decori in filo d’oro. La particolarità di queste calzature risiede anche nel fatto che provengono dal castello di Vigevano, acquistate negli anni ’40 dello scorso secolo dalla madre della signora Lia e che ora, grazie alla generosità della donatrice, vengono restituite alla collettività. L’impegno da parte dei responsabili del Museo della Calzatura sarà quello di studiare le preziose pantofole e di provvedere ad una più certa datazione e inquadramento storico/geografico; non si esclude che uno studio approfondito possa apportare spunti e stimoli di ricerca futura. Ingresso libero, tutti sono invitati.

MUSEO. Apertura Straordinaria del Museo del Tesoro del Duomo, recentemente ristrutturato. Sabato 28 settembre e 5 ottobre dalle 18 alle 19.30 e dalle 21 alle22.30, così come domenica 29 settembre e 6 ottobre dalle 17 alle 19 sarà possibile accedere al museo. In collaborazione per le visite guidate con gli studenti del Liceo Cairoli che si terrà sabato 5 ottobre tra le 15.30 e le 17.

ARTE. Sabato primo appuntamento con Evuz Art. Alle 17 nella Sala del Duca Bianca Garavelli dialoga con Domenico Spinosa, Accademia di Brera su “Arte come trasformazione: la scelta dell’angelo”. La parola arte deriva dalla radice ariana “ar” che vuol dire andare, mettersi in moto, muoversi verso qualcosa e, in senso traslato, adattare, fare in maniera adeguata. La trasformazione è quindi un aspetto implicito nel lavoro dell’artista, che cerca incessantemente forme adatte a ciò che vuole esprimere: tras-forma la materia attraverso il proprio fare, arte-fa, e proprio di questo ci parlerà Domenico Spinosa, docente di estetica all’Accademia di Brera. Il suo intervento tratterà della forma-cinema a partire dal film “Il cielo sopra Berlino” di Wim Wenders per spaziare nel campo delle arti visive e della filosofia, mettendo a confronto la figura dell’angelo nell’arte di Paul Klee e di Anselm Kiefer e il pensiero di Benjamin Franklin. Seguirà una performance teatrale di Elisabetta Ubezio e Claudio Taroppi su testo di Giuse Iannello e musiche si musica Valerio Incerto.

TEATRO. Sabato, Cortile di Palazzo Merula (all’interno del Palazzo, in caso di pioggia) ore 21. “La zona d’ombra. Monologhi di trasformazione sociale”. A cura di Parole a Manovella. Dalla zona d’ombra alla luce, attraverso la musica dei Depeche Mode e le parole di trasformazione sociale e culturale scritte da Massimiliano Bruno: tutto ciò è “Home : la zona d’ombra”. Si tratta di un percorso a monologhi in continuo cambiamento di registro (come nelle ultime opere dell’autore e regista romano, “Non ci resta che il crimine” e “Gli ultimi saranno ultimi”), allestito dal Gruppo Parole a Manovella per il Festival delle Trasformazioni 2019. Storie di alienazione, immigrazione, dipendenze, trasformazione, interpretate da Max Di Landro con Manuel Signorelli (tastiera), Vassilia Chachlakis (violoncello) e Beatrice Oteri, che reinterpretano a metà strada tra la classica e il rock le canzoni della band inglese di “Home” e “Barrel of a gun”.

Domenica

FESTIVAL DELLE TRASFORMAZIONI. Domenica alle 10.30 Piazza Sant’Ambrogio. Per poter toccare con mano le “trasformazioni” in atto anche nel mondo dell’Agricoltura sarà possibile visitare un’azienda Ort’Antico: l’appuntamento è per le 10.30 in Piazza Sant’Ambrogio – è gradita la prenotazione al seguente indirizzo: reteculturavigevano@gmail.com.

FESTIVAL DELLE TRASFORMAZIONI. Domenica alle 16 nella Sala del Duca si terrà il concerto La magia della musica trasforma i cuori. Esibizione delle soliste Specchio dei Sogni, dietro la direzione e gli arrangiamenti di Marika Genchi e Giacinto Livia, insegnanti dell’istituto civico musicale Costa.

FESTIVAL DELLE TRASFORMAZIONI. Aziende in … trasformazione. Le trasformazioni nel mondo dell’industria e dell’agricoltura. Visita aziende agricole e calzaturiere. A cura Assocalzaturifici e Istituto Luigi Casale. Come e perché sta cambiando il mondo del lavoro? Quali gli effetti della globalizzazione e delle nuove forme di lavoro sul modo di produrre? Può esservi una produttività “sostenibile”? Quali sono le trasformazioni del lavoro che interessano la nostra epoca? E, per scendere nel particolare e vedere i suoi effetti in una realtà una volta ad alta densità industriale, quali sono state le profonde trasformazioni dell’industria vigevanese, quali le sue ripercussioni nel sociale? Le aziende calzaturiere e meccano-calzaturiere sono riuscite ad evolversi e a mantenere alta la qualità dei loro prodotti? Quali aziende oggi sono posizionate su livelli di eccellenza unici al mondo? Per chi volesse approfondire il tema delle trasformazioni oggi (domenica) i ragazzi dell’indirizzo moda dell’Istituto Casale proporranno delle visite guidate al Calzaturificio Solazzo, una delle aziende che, grazie alla sua capacità di innovazione, è riuscita a posizionarsi su livelli di eccellenza unici al mondo. Gradita la prenotazione al seguente indirizzo: reteculturavigevano@gmail.com

FESTIVAL DELLE TRASFORMAZIONI. Domenica ore 17 aula Magna Seminario Vescovile. Convivere, “vivere con” fa riferimento a un’esperienza relazionale di condivisione, in un certo periodo di tempo, e entro uno spazio comune definito. Il tema della convivenza è una costante, presente nell’esperienza di vita delle persone sin dalla nascita. Si condividono emozioni, gioie e tristezze, opinioni, culture, stili di vita, spazi e ambienti: una casa, un quartiere, una città, un luogo di lavoro o di apprendimento. Alla luce dei rapidi cambiamenti sociali, che hanno generato un’incertezza generalizzata si fanno strada nuove vulnerabilità che sollecitano nuove esigenze: sicurezza, protezione, equità; e nuove competenze relazionali: flessibilità, ascolto, sostegno. Competenze che consentono agli individui, alle famiglie, alle organizzazioni e alle comunità (oggi città) di gestire le relazioni nella capacità di accettare le diverse differenze/vulnerabilità e contenere la dimensione del conflitto e dell’antagonismo, e dell’indifferenza. Relatori: Marialuisa Menegatto, Psicologa e Psicoterapeuta, – Adriano Zamperini, Psicologia della violenza e del disagio sociale, Università di Padova – Coordinano: Verena Boscolo e Maddalena Cassuoli. A cura APS Centro Studi Creativamente, L’Antina e Tè Mat

TEATRO. Domenica, Caffè commercio, ore 18.30 Circe. Metamorfosi interiore di una dea dalla voce umana. Una dea dalla voce umana, diventa una donna per amore. Passioni, incantesimi, dolori, sacrifici e ragioni del cuore che la mente non può capire. Tutto questo è “Circe”, un monologo/ conferenza a cura di Associazione Culturale Libellula e Unitre sul personaggio che saprà conquistarvi e affascinarvi, ma soprattutto sorprendervi e commuovervi.

TEATRO. Performance artistica “Identikit” con Alex Sala e Dora Ayala, una lunga indagine corporea sull’identità, della quale scrive Sonia Patrizia Catena: “Dora e Alex operano un azzeramento identitario per focalizzare l’attenzione sulla tematica dell’ego e sull’incapacità dell’uomo di relazionarsi al mondo e agli altri mediante punti di vista differenti.”

TEATRO. Domenica ore 21 nella Strada Coperta del Castello andrà in scena lo spettacolo teatrale “Non ti avvicinare”, scritto e diretto da Valerio Incerto. Sei giorni in un anno. Un uomo e una donna bendati per un misterioso esperimento sociale di un antropologo ossessionato dalla prossemica e in cerca di celebrità. L’uomo e la donna parlano della loro vita, la guerra a Belgrado, l’infanzia, le relazioni sentimentali. Così si cercano, si avvicinano ma al momento di toccarsi l’antropologo misura la distanza tra loro e li allontana. I due si affezionano fino ad arrivare ad un tentativo di approccio sessuale. Entrambi aspettano con ansia il termine dell’esperimento quando le bende saranno tolte. L’antropologo li ascolta, scrive appunti, continua a “prendere le misure” di ogni nuova posizione. L’uomo confessa una relazione omosessuale e l’esperimento volge al dramma. L’antropologo decide di concludere l’esperimento. L’uomo e la donna si tolgono le bende e si guarderanno negli occhi per la prima volta.

MOSTRA. Domenica, Palazzo Merula inaugurazione mostra Small changes, great success.

mostra interattiva “Cambiare si deve”. La mostra multimediale ed interattiva Small Changes, Great Success, proposta dal Liceo Cairoli ha come tema l’esigenza di cambiare per salvare il pianeta dall’abbraccio mortale della plastica. I primi due lati del cortile di palazzo Merula, che la ospiteranno dal 30 settembre all’8 ottobre, saranno occupati da una prima parte, più generale, nella quale, attraverso cartelloni e filmati, il visitatore scoprirà quando è nata la plastica e perché si è cosi tanto diffusa, i dati sull’emergenza ambientale, le conseguenze sull’ambiente, in danni particolare sul mare dove soprattutto confluisce, i danni che essa provoca agli animali e all’uomo. Verranno inoltre illustrate le iniziative legislative, ma anche individuali, necessarie ad arginare, se non risolvere, il problema, a passare cioè da una economia lineare, che produce solo tonnellate di rifiuti potenzialmente nocivi, ad una economia circolare nella quale la plastica dovrebbe venir riciclata o riusata. La seconda parte, proposta nel terzo e quarto lato del cortile, vi sorprenderà: argomento infatti sarà la T-shirt, l’apparentemente innocuo capo di abbigliamento che tutti abbiamo nei nostri armadi. Scoprirete da che cosa è composta, chi la fabbrica, e perché è assolutamente necessario anche per essa l’introduzione del riuso e del riciclo. La mostra si potrà visitare nei giorni feriali dalle 8.30 alle 13.30, mentre sabato e domenica dalle 10.30 alle 12 e dalle 16 alle 19.

MAGIA. Sabato e domenica, torna la Corte Fatata di Vignarello che ci invita al Gran mercatino della magia. I Maghi e le Fate vi aspettano in questa meravigliosa cornice nel cuore della natura con mille sorprese e personaggi.

MUSICA. Domenica, in Duomo, dalle 21 si terrà il secondo concerto della serie Sette note verso il cielo, giunta già alla quarta edizioni. “Da Cremona a Vigevano”, il Festival Organistico Internazionale, organizzato da Associazione Internazionale Arte e Cultura – Vescovato (Cremona) vedrà Marco Aurèlio Brescia (Portogallo) sedersi e suonare all’Organo Serassi del 1782 della Cattedrale di Sant’Ambrogio. Ingresso libero.

Prenota un tavolo