Esplora

Vigevano

Vigevano
Penna Selvaggia

Weekend innevato a Vigevano

Ok, nevica. Quale migliore occasione per scaldarsi e divertirsi con le mille proposte vigevanesi? Gia domani, Venerdì, al Different Box (via Bellaria 16) arriverà la band Zona Modà che ripropoporrà tutti i classici dei Modà, dagli album storici alle hit più recenti, ma anche pezzi meno noti radiofonicamente che renderanno contenti i fans più esigenti. La somiglianza vocale di Luca unita alla ricerca dei suoni, permette una riproduzione il più fedele possibile al sound dei Modà. Ad accompagnarlo sui palchi ecco una band di tutto rilievo, composta da professionisti di prima scelta, e dotati di una grande professionalità e una forte presenza scenica. Importanti sono anche gli arrangiamenti tratti da versioni live del gruppo. Il concerto inizierà alle 23.

Sabato, poi, il primo appuntamento è alla Biblioteca dei ragazzi Gianni Cordone, dove, in collaborazione con l’Associazione Libera, si potrà partecipare alla Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti della mafia. In occasione delle celebrazioni, previste per il prossimo 21 marzo, la biblioteca di via Boldrini propone “L’Autobus delle Libere Parole” una serie di attività di lettura, gioco e discussione. Domani (sabato) alle 10.30 il primo appuntamento: lettura animata del libro puzzle “Le parole per stare insieme. Un alfabetiere per crescere”. A seguire laboratorio creativo e discussione. Tutti gli incontri sono gratuiti e consigliati a bambini dai 6 anni.

Alle 18.30 a LaRoom (via Diaz, 4/a) dove si terrà un aperitivo letterario con Roberta Paola Fornari e il suo romanzo “Lo sappiamo bene che l’assassino non è tra di noi”- Editore Leucotea. L’aperitivo sarà a cura della Boulangerie Villani di Vigevano. Ingresso a offerta.

Arte il Faro propone un “Dialogo poetico”, una serata dedicata alla poesia. Domani (sabato) alle 21 nella sede di via Boldrini 1 (Palazzo Roncalli) gli scrittori Vito Giuliana e Luigi Balocchi leggeranno alcune poesie scelte dal loro repertorio poetico, per dare origine a un vero e proprio dialogo in cui il pubblico potrà intervenire con domande e interrogativi. Lo stile, i temi e le caratteristiche della poesia dei due autori sono spesso diversi e lontani, ma sono accomunati da una forte coscienza linguistica che riesce a trasmettere al lettore carica emotiva e bellezza espressiva. Ingresso libero.

Sabato e domenica, come sabato e domenica prossimi, dalle 10.30 alle12.30, dalle 15.30 alle 18.30 nell’Auditorium San Dionigi sarà allestita la mostra “Se questo è amore”. In occasione della giornata della donna l’Associazione Allievi del Cairoli propone una mostra di dipinti, racconti, poesie foto coi i quali gli studenti del liceo hanno provato ad esprimere gli effetti una violenza esecrabile quale è quella contro la donna. Ingresso libero.

Alle 21, nella Sala Polifunzionale del Cristo Re (via San Giovanni 51) il Teatro dello Scorpione presenta Il padre della sposa. L’amore è una cosa meravigliosa…. finchè non capita a tua figlia. «Papà ho una notizia meravigliosa: mi sposo». Quanti genitori hanno accolto con sgomento una frase del genere? E soprattutto quanti padri sono rimasti scioccati quando a pronunciarla è stata quella che per loro è e sarà sempre la loro bambina? Da qui parte “Il padre della sposa”, una delle commedie più esilaranti e attuali del panorama teatrale e cinematografico internazionale. Portata sul grande schermo prima da Spencer Tracy e più recentemente da Steve Martin, “Il padre della sposa” affronta con ironia e divertimento il tragico momento del distacco dell’amata figlioletta da una normale famiglia borghese e lo stress dei preparativi per il suo matrimonio. Il risultato esilarante della commedia nasce dalla contrapposizione tra l’accettazione dell’ineluttabile evento da parte della madre e i disperati teneri tentativi del padre per mandare all’aria il matrimonio, che, oltre a gettarlo in una profonda crisi esistenziale, rischia di rovinarlo anche finanziariamente. La madre vuole per la figlia una cerimonia da ricordare: per fare questo convincerà il marito ad affidarsi incautamente ad un organizzatore di matrimoni che definire pazzoide è fargli un complimento. Situazioni divertenti, gag, equivoci e battute si mescolano in un cocktail esplosivo di risate e sentimenti, allegria e tenerezza. Nello spettacolo vigevanese la regia è di Fulvio Palombi ed il biglietto costa 10 euro.

Alle 21, ma al Teatro Cagnoni, l’Orchestra Città di Vigevano, diretta questa volta da Pitor Nikiforoff, eseguirà musiche di Mozart, Mendelssohn e Gutman. Al pianoforte siederà Svetlana Berezhnaya. Il programma scelto per questo importante evento è dedicato appunto a due leggende come Mozart e Mendelssohn, ma c’è spazio anche per Delilah Gutman, compositrice, pianista e cantante di origine latino-americana. Proprio la sua Suite da “Jeanne and Dedò” avrà il compito di aprire il concerto, dando al pubblico vigevanese l’occasione per conoscere questa opera, composta su libretto di Manrico Murzi. A seguire, ci si sposterà nel classicismo austriaco del geniale Wolfgang Amadeus Mozart,di cui l’Orchestra eseguirà il Concerto per pianoforte e orchestra n.21 KV466 in Re minore. Anche in questo caso, l'atmosfera sarà di respiro internazionale, dato che la parte solistica sarà affidata alla pianista Svetlana Berezhnaya, interprete molto conosciuta in Europa e in Russia e con alle spalle esibizioni a Mosca, Parigi, Vienna, New York e San Antonio, Texas. La seconda parte della serata, invece, sarà interamente occupata da Felix Mendelssohn Bartholdy e dalla sua Sinfonia n.3 op. 65 “Scozzese”. Ispirata da un viaggio in Scozia nel 1829 (la partitura è dedicata alla Regina Vittoria), questa opera del compositore tedesco ha avuto una lunga gestazione; abbozzata al ritorno del viaggio, soltanto dopo tredici anni è giunta alla stesura finale, con esecuzione a Lipsia il 3 marzo 1842. Le impressioni di quel viaggio, tra paesaggi a strapiombo sul mare e brughiere selvagge, sono trasposte in questo lavoro che, senza dubbio, rimane, insieme alla sinfonia “Italiana”, uno dei suoi più pittoreschi e famosi. Il biglietto costa 11 euro, sconto del 50% per chi ha meno di 25 anni o più di 70.

Sempre sabato, ma alla Cooperativa Portalupi (strada dei Ronchi 7, Sforzesca) si esibiranno i Vsm + Il Body che proporranno musica punk hardcore abbastanza veloce. Ingresso libero.

Allo Street Café andrà invece in scema “Blues is a Feeling” di Max Prandi, one man band voce chitarra cassa e charleston, blues e dintorni, tutto suonato da una sola persona, che proporrà un repertorio che spazia da Muddy Waters a John Lee hooker da Elvis Presley a Otis Redding.

Domenica dalle 10 alle 13 si potrà partecipare al Workshop di Tribal Fusion con Giulietta Muse all’Asd Dance With Me di via Col di Lana 6.

Sempre domenica, alle 17.30, al Teatro Cagnoni, i I Lions Club Vigevano Host presentano “…Aspettando l’otto Marzo. Festa della Donna. Cabaret, poesia e illusionismo” uno spettacolo benefico a sostegno del Life con una borsa di studio per un giovane medico. Parteciperanno Claudio Batta, Ginaluca Fubelli, Marc-Dok E Martina, Sara Federico, Stefano Chiodaroli e Margherita Antonelli. I biglietti costano 20 euro per palco e plateca, 15 per il loggione. Ridotti sino a 15 anni15 euro.

Prenota un tavolo