Esplora

Vigevano

Vigevano
Storie di Lomellina

VIGEVANO – LA CONFRATERNITA DELLA MORTE

Presso la Chiesa di Santa Maria della Neve, a Vigevano esiste una Confraternita: La Confraternita della Morte. Questa trae origine da un decreto del Vescovo di Vigevano Mons. Marsilio Landriano, nel 1599 a seguito di una richiesta di alcuni fedeli che chiesero l’autorizzazione ad erigere “una Compagnia et Confraternita de Disciplini sotto il titolo della Morte”.

Lo scopo principale di questa confraternita è quello di seppellire in modo dignitoso i defunti poveri o rimasti senza famigliari. Il 5 novembre 1599 viene istituita la Confraternita, da subito si decise di edificare una chiesa più ampia, il 27 ottobre 1600 si pone la prima pietra della Chiesa dedicata a Santa Maria della Neve.

Nel 1605 viene completata. Dalla data di fondazione, la Confraternita non si è mai sciolta, infatti, sebbene le leggi Napoleoniche fecero sparire gran parte delle congregazioni presenti in città, quella della Morte rimase sempre attiva… Perché? Bhe semplice, qualcuno doveva seppellire in modo dignitoso i defunti! L’abito utilizzato dai confratelli è nero, addobbato con una collana in tessuto rosso; Il 7 aprile 1985 la congrega ha provveduto a stilare un proprio statuto, adeguandolo alle moderne esigenze, ma sempre aderente al primitivo scopo di suffragare i defunti.

Attualmente i membri della Confraternita della Morte sono 34, inoltre è stato creato un museo vero e proprio presso la Chiesa di S. Maria della Neve (Vigevano) con oggetti e suppellettili della Confraternita.

 

Rubrica curata da Simone Tabarini di storiedellalomellina.altervista.org

Prenota un tavolo